Gambero di fiume

Nome scientifico: Austropotamobius italicus

Nome comune: Gambero di fiume

Crostaceo dell'ordine dei Decapodi, il gambero di fiume è una presenza sempre più rara nei corsi d'acqua d'Italia e del Lazio. Predilige acque fresche, moderatamente alcaline, con una discreta corrente tale da consentire una buona ossigenazione. Si nutre di molluschi, larve di insetti, girini, vermi, piccoli pesci ed anche alghe. A minacciarlo sono principalmente le modificazioni degli alvei, l'inquinamento delle acque e l'introduzione di specie alloctone competitrici come il gambero rosso della Louisiana (Procambarus clarkii). Nel Lazio il gambero di fiume ha perso negli ultimi tempi diverse popolazioni "storiche", mantenendo nuclei frammentati ed isolati in particolare nel viterbese.