Uomo e Territorio

Piazzetta di Pietra Sprecata
Nella foto: Piazzetta di Pietra Sprecata

Piazzetta di Pietra Sprecata

I motivi architettonici medioevali, il rudimentale pilastro in pietra di cardellino sovrastato da una edicola con tettoia, il delicato affresco della Madonna della Pietà, il piccolo arco gotico a sinistra, il casamento antico in pietra di cardellino annerita dagli anni con muri irregolari e bifore romaniche, alcuni archetti gotici nel muro del pianterreno ed un affresco del XIV sec. che riproduce il Salvatore in mezzo a San Benedetto e a San Francesco, fanno di questa piazzetta una piccola oasi, ricca di toni altamente espressivi.

L'Edicola sin dalla fine del 1700 custodisce l'effige della Madonna della Pietà, assai venerata a Subiaco per uno strepitoso prodigio verificatosi il 19 luglio 1796. Motivo di interesse storico è il fatto che nel casamento più antico di questa piazza dimorò il primo cardinale commendatario Giovanni Torquemada, inviato da Callisto III a Subiaco nel 1456; a lui si deve il primo statuto di Subiaco.