ParchilazioParchilazio
NaturaFauna

Il taccuino del Guardiaparco

Nel Parco più grande del Lazio incontriamo le specie tipiche dell'Appennino Centrale

Camminando sui sentieri montani si ascolta il verso di allarme del capriolo, un abbaio simile a quello del cane, che avverte tutti i caprioli vicini dell’approssimarsi di un possibile pericolo.

Nel folto della faggeta anche il cervo ascolta i rumori del bosco, pronto a saltare nel folto e a nascondersi alla vista.

Già ai primi di marzo inizia a sentirsi il richiamo del picchio dalmatino di Lilford, una sottospecie unica italiana, presente solo in alcuni boschi del Lazio e dell’Abruzzo: sta iniziando la stagione degli amori dei picchi e i maschi si rincorrono fra le fronde più alte per stabilire i territori ed i nidi. Nel video in basso, realizzato dal Guardiaparco Giulio Lariccia, possiamo ammirare un nido in cui entrambi i genitori nutrono il piccolo. Il primo è il maschio, facilmente distinguibile per la colorazione rossa della testa, poi sopraggiunge la femmina.

Anche le aquile preparano il nido mente i grifoni, in ampi giri, sorvolano le montagne laziali e oltre. Voleranno per decine di chilometri a centinaia di metri da terra sfruttando le correnti calde ascensionali.

Sulla neve fresca le impronte dei lupi disegnano lunghe file di orme che percorrono sentieri invisibili: nella mente dei lupi il territorio è una mappa perfetta con strade, incroci e punti di riferimento che conoscono a memoria.

Ma l’emozione più grande è incontrare le grandi impronte dell’orso sulla neve, l’orso marsicano, che appare sempre più frequentemente nel Parco dei Monti Simbruini.

Fotografie di: Ilaria Guj, Alberto Dominici, Giulio Lariccia.

La mappa di Parchilazio.it

Cerca nella mappa