Riserva Naturale Regionale

Lago di Vico

In scadenza i termini per denunciare il possesso di specie esotiche

In scadenza i termini per denunciare il possesso di specie esotiche

8 LUG 2019

di Riserva Naturale Regionale Lago di Vico

Il 31 agosto 2019 scadono i termini per la presentazione delle dichiarazioni di possesso di animali e vegetali esotici, da rendersi sui modelli predisposti dal Ministero per l'Ambiente.
E' possibile informarsi in questa pagina ed eventualmente farsi aiutare dal proprio veterinario per un consiglio.

Tra gli animali esotici più frequenti la tartaruga palustre americana, gli scoiattoli grigi nordamericani (scoiattolo volpe e scoiattolo della Carolina), lo scoiattolo cinese di Pallas, lo scoiattolo giapponese, il granchio cinese, numerose specie di gambero tra cui il gambero americano e il gambero della Virginia, la mangusta di Giava, la rana toro, la nutria, il nasua (o Coati) rosso, l'anatra detta "Gobbo della Giamaica", pesci come il Perccottus glenii e il cebacek, il persico sole o il pesce gatto dei coralli, tra l'altro molto velenoso, l'ibis sacro.

Scarica la lista completa (file formato excel)

la lista inclusa nel regolamento europeo

Per chi omette di denunciarne il possesso le sanzioni previste dalla legge sono pesantissime: la mancata denuncia di possesso è punita con sanzioni tra 150 e 20.000 euro. Ben più onerose le sanzioni previste per la violazione dei divieti di introduzione, detenzione, trasporto, utilizzo, scambio o cessione e riproduzione: in questi casi si va da 1.000 a 50.000 euro.

Se gli animali vengono abbandonati in natura entriamo nell'ambito del penale: Il reato più grave, il rilascio in ambiente, è punibile infatti con l'arresto fino a tre anni e sanzioni tra 10.000 e 150.000 euro.

Come riportato sul sito del MInistero la denuncia di possesso deve avvenire inviando l’apposito modulo di denuncia (o di tutte le informazioni in esso contenute):

  • tramite PEC (all’indirizzo: pnm-II@pec.minambiente.it),
  • raccomandata con ricevuta di ritorno (all’indirizzo: Ministero dell’Ambiente, Direzione Protezione Natura, Divisione II, Via Cristoforo Colombo n. 44  - 00147 – Roma),
  • fax (al numero: 06-57223468).

La ricevuta di PEC, fax o raccomandata accerterà l’avvenuta denuncia. Come detto il termine per presentare tale denuncia scade il 31 agosto 2019 (Decreto Legge 25 luglio 2018, n. 91).

Pensiamoci bene dunque...