Riserva Naturale Regionale

Lago di Canterno

Sentiero n. 8 – Forcella La Pica – Acquaviva (Fondi – Vallecorsa)

Sentiero n. 8 – Forcella La Pica – Acquaviva (Fondi – Vallecorsa)

L'itinerario in pillole
Facile 116 m
2h e 30m 2,4 km

L’accesso

Da Fondi percorrendo Via Ponte Gagliardo, Via Torricella e Via Sant’Agata ci si immette su una carrareccia che sale fino a Forcella La Pica.

Da Vallecorsa si imbocca la strada che all’ingresso della città dal lato di Lenola si dirige verso Valle. La si segue in direzione Cima del Monte e curvando verso le pendici est di Monsicardi salendo, dopo vari tornanti si arriva a Forcella La Pica.

L’itinerario

Dalla Forcella La Pica il sentiero da seguire è quello di sinistra che in breve tempo porta nei pressi dell’area pic-nic, poco prima di salire ai ruderi di Acquaviva. Si tratta di un insediamento risalente all’XI secolo d.C. e di cui oggi rimangono i resti di una piccola fortezza difensiva dopo essere stato saccheggiato e semidistrutto alla fine del XVI secolo dalla banda del brigante abruzzese Marco Sciarpa. Poco prima di percorrere l’ultimo tratto ed entrare nelle mura del deruto villaggio, il Parco Naturale Regionale dei Monti Ausoni e Lago di Fondi ha realizzato un’area di sosta per pic-nic. Questa zona è stata terra di confine tra lo Stato Pontificio e il Regno Borbonico e a testimoniarlo sono i cippi di confine che ancora sono presenti lungo il crinale. La collina di Acquaviva è una magnifica terrazza sulla piana di Fondi. dall’area pic-nic si dirama il tratto di sentiero per il ritorno che passa su un piccolo cucuzzolo sul quale vi sono i resti di una chiesa.

Caratteristiche

Partenza: Forcella La Pica

Arrivo: Ruderi di Acquaviva

Lunghezza del sentiero: km 2,400

Quota di partenza: mslm 532

Quota di arrivo: mslm 648

Dislivello complessivo: m 116

Tempo andata: ore 1

Tempo ritorno: ore 1,5

Periodo consigliato: tutto l’anno

Segnaletica: cartello all’inizio e lungo il percorso.

Punti di Appoggio: area pic-nic

Telefoni utili: 0771513644

Carte: IGM

Comuni: Fondi Vallecorsa.

Questo itinerario ha caratteristiche di panoramicità con vista sulla pianura fondana, sul Lago di Fondi e sui promontori di Terracina e del Circeo; storiche per la presenza dei ruderi di Acquaviva, al cui interno si possono ancora riconoscere gli edifici più importanti, ormai allo stadio estremo di ruderi, quali la torre, e la chiesa. e per la presenza del confine già citato segnato da colonnine lapidee (cippi) che portano scolpiti i simboli dei due stati.

Dai un voto all'itinerario