Monumento Naturale

Valloni della via Francigena

Il perimetro dell'area protetta riportato su google maps è puramente indicativo e non ha valore probatorio o giuridico.
Per la perimetrazione aggiornata delle aree protette della Regione Lazio clicca qui

L'Area Protetta

L'area si sviluppa lungo due valli ed è caratterizzata da diverse tipologie forestali che determinano la varietà di habitat e quindi di popolazioni faunistiche. A fondovalle c'è vegetazione igrofila come il salice, il pioppo, la farnia, lungo i versanti ci sono boschi misti di cerro, roverella, carpino, sulle sommità ci sono formazioni sempreverdi di sugheri e lecci. Sul Monte di San Terenzio si sviluppa un ettaro circa di bosco di leccio ad alto fusto che costituisce un habitat di particolare pregio naturalistico da preservare. Il territorio è attraversato … leggi tutto

L’area si sviluppa lungo due valli ed è caratterizzata da diverse tipologie forestali che determinano la varietà di habitat e quindi di popolazioni faunistiche. A fondovalle c’è vegetazione igrofila come il salice, il pioppo, la farnia, lungo i versanti ci sono boschi misti di cerro, roverella, carpino, sulle sommità ci sono formazioni sempreverdi di sugheri e lecci. Sul Monte di San Terenzio si sviluppa un ettaro circa di bosco di leccio ad alto fusto che costituisce un habitat di particolare pregio naturalistico da preservare.

Il territorio è attraversato dal tracciato dell’antica via francigena ed è interessato da aree di rilevante valore storico e archeologico come le chiese rupestri di San Terenziano (XVI sec.), San Rocco (XVII sec.) e della Madonna delle Grazie (XIV sec.)

Il Monumento naturale è istituito con D.P.R.L. 29 settembre 2017, n. 160 (B.U.R.12 ottobre, n. 82; S.O. n. 1) clicca su normative per leggere il decreto