Parco Naturale Regionale

Aguzzano

RomaNatura
Aguzzano

La natura del Parco

Da quando qui esisteva il fondo "Auzano", la grande tenuta agricola della gens Acutia, ad oggi non molto in questa zona è cambiato: pur attraverso numerosissimi frazionamenti, la vocazione agricola dell'area è sopravvissuta. Un elemento caratteristico del Parco è rappresentato da un reticolo di filari ad alto fusto, costituiti da pini, pioppi e platani. Questo "corridoio biologico" permette scambi e percorsi di vegetazione e fauna tra l'interno della città e la campagna. Tra la fauna è di particolare rilevanza la presenza del rospo smeraldino, frequenti sono le osservazioni del gheppio, mentre talvolta si avvista anche l'airone cinerino. Il restauro e la riqualificazione di uno dei casali della bonifica ha consentito di realizzare la Casa del Parco all'interno della quale è inserito il Centro di Cultura Ecologica - Archivio Ambientalista della LIPU.

Aguzzano è un'area relativamente piccola (circa 51 ettari) al centro di quartieri densamente abitati costruiti nella tenuta agricola dagli anni '50 in poi.

E' costituito da una superficie pianeggiante - il fondovalle del Fosso di San Basilio - che sale con un leggero pendio verso il quartiere Rebibbia, dove sono presenti piccole scarpate verticali in corrispondenza di affioramenti tufacei.

L'elemento naturale che caratterizza il Parco è il Fosso di San Basilio che percorre il Parco in tutta la sua lunghezza per confluire, unendosi al Fosso di Casal de' Pazzi, nel fiume Aniene, formando, con la sua vegetazione e la sua fauna, un interessante ecosistema ripariale.

L'area lambita dal Fosso di San Basilio determina una "zona umida" da valorizzare e salvaguardare per le valenze ecologiche, naturalistiche e paesaggistiche.

Il fosso naturale, punto di drenaggio e confluenza delle risorse idriche della zona, rende umido il terreno circostante favorendo la fertilità e la varietà delle specie vegetative: dalle bordure periferiche di canne comuni alle piante acquatiche (tifa , canna palustre, equiseto) alle alghe sommerse necessarie all'ossigenazione dell'acqua, ai rigogliosi alberi tipici, come il salice o il pioppo, in parte spontanei e in parte impiantanti dall'uomo.

La ricca vegetazione che interessa la valle del Fosso di San Basilio ospita, sotto, sopra e intorno all'acqua una straordinaria varietà di vita animale, strettamente connessa da una catena alimentare dove ogni specie è utile e legata alle altre in un rapporto di preda-predatore: insetti, anfibi, uccelli e piccoli mammiferi trovano in questo ambito cibo e riparo.

Tra le specie presenti vi sono l'istrice, l'airone cenerino, il pendolino, il martin pescatore, il cormorano, il gruccione e il granchio d'acqua dolce.

Voci correlate