Riserva Naturale Regionale

Marcigliana

RomaNatura

Marzolina e/o marzolino

Prodotto Natura in Campo

Marzolina e/o marzolino

La marzolina è un formaggio prevalentemente di latte di capra, la cui tecnologia è molto eterogenea e si presenta come un "intelligente" prodotto della tradizione casearia locale. La produzione è legata tradizionalmente al periodo di lattazione della capra, ossia a partire dal mese di febbraio-marzo. In alcuni territori avviene anche la produzione di Marzolina con latte ovino, vaccino e misto.

Un importante elemento di tradizionalità è l'impiego di latte proveniente da capre autoctone, quali la Grigia Ciociara e la Bianca Monticellana. La pasta, sottoposta a rottura, viene posta a sgrondare nelle "fuscelle", quindi pressata e formata a mano. Dopo 24 ore, le marzoline si estraggono dalle formelle e si salano con sale grosso. La marzolina si può consumare fresca o stagionata fino anche un anno: si lascia asciugare per un mese circa e la si fa stagionare a secco all'interno di contenitori di vetro chiusi ermeticamente, sott'olio o sottovuoto, condizioni che conferiscono al prodotto un sapore piccante. Conservata sott'olio la maturazione è più lenta e la marzolina acquista più morbidezza. Il prodotto classico ha forma cilindrica, con altezza di 4 cm, diametro 6-8 cm, peso di 150 grammi circa. La crosta è di colore giallo chiaro; la pasta è compatta, di color bianco latte, scagliosa e può avere anche una leggera occhiatura. Dopo il periodo di stagionatura sottovuoto, il formaggio si presenta secco e duro, invece la stagionatura sott'olio produce maggiore pastosità. La marzolina molto matura si presenta di colore giallastro, ha odore penetrante, con caratteri organolettici assai gradevoli, forti e stuzzicanti e tendenti al piccantino. All'olfatto è ircino (dal latino "hircinus", caprone), cioè si sente l'odore animale caratteristico dei formaggi caprini. Al palato, inizialmente è piuttosto dolce, ricco e untuoso; se molto stagionato il gusto diventa più potente fino ad assumere un sapore piccante, ma non pungente. La marzolina può essere gustata, tagliata a pezzetti sottili nell'insalata di pomodoro, tagliata molto fine sulla bruschetta con aglio o con olive, carciofini e sottaceti. Un'antica ricetta, adatta a stomaci forti, la vuole condita con peperoncino. Se è molto stagionata, va bene grattugiata sui primi piatti, ai quali conferisce un sapore prelibato con gusto forte e genuino.

Il formaggio marzolina ha una presenza plurisecolare nella produzione e nei mercati locali, riscontrabile anche da documenti storici; è censito, inoltre, nell'Atlante dei Prodotti Tipici Italiani redatto dall'Istituto Nazionale di Sociologia Rurale (1991) e viene brevemente riportato da Salvatori del Parato (2001) nel trattato di Tecnologia Casearia.

Dai un voto al prodotto

Zone di produzione

La produzione avviene in alcuni comuni della provincia di Frosinone e Latina con particolare riferimento al comprensorio dei Monti Lepini, Ausoni, Aurunci e della Valle di Comino. In questi territori è possibile trovare condizioni ideali per la fase di asciugatura di questo formaggio.