Sentiero n. 2 – Santo Stefano (Monte S. Biagio – Terracina)

Sentiero n. 2 – Santo Stefano (Monte S. Biagio – Terracina)

L'itinerario in pillole
Medio - Difficile 290 m
5h 7,9 km

Accesso

Provenendo da Terracina o da Fondi si giunge al km 109 della Strada Statale Appia, in prossimità della torre dell’Epitaffio (antico presidio che delimitava il confine sud dello Stato Pontificio). Da qui si prende una strada carrareccia che risale il versante sud-est di Monte Pilucco.

Itinerario

Il sentiero, dopo la prima parte, segue il tracciato del metanodotto fino ad arrivare in prossimità della cima, superata la quale svolta leggermente a destra in direzione della Fontana di Santo Stefano. La sorgente sgorga a nord di un piccolo pianoro carsico alle spalle di Monte Giusto, ad un’altitudine di circa 500 mt slm. La Fonte naturale è stata adattata con l’opera assidua e sapiente di generazioni che hanno cercato di migliorare la captazione della vena naturale inseguendo con due cunicoli, che si addentrano nella montagna per decine di metri, lo stillicidio e la condensa dell’acqua. Il percorso continua costeggiando Monte Cervaro o Santo Stefano e si dirige verso la località “Colli” discendendo lievemente verso la strada di Camposoriano.

Lungo il percorso si possono incontrare i cippi confinari tra lo Stato Pontificio ed il Regno di Napoli: colonnine poste in montagna in punti strategici a segnare la frontiera tra i due stati. Un tempo questa zona era utilizzata da una numerosa comunità agro-silvo-pastorale che vi si stabilirono dal 1800. Nel dopoguerra le famiglie qui residenti, attratte dalle comodità della città, scesero verso Terracina.

Caratteristiche

Partenza: Epitaffio (km 109 S.S. 7 Appia)

Arrivo: Acquasanta (strada per Camposoriano)

Lunghezza del sentiero: km 7,900

Quota di partenza: mslm 10

Quota di arrivo: mslm 300

Dislivello complessivo: m 290

Tempo andata: ore 3

Tempo ritorno: ore 2

Periodo consigliato: tutto l’anno

Segnaletica:

Punti di Appoggio:

Telefoni utili: 0771513644

Carte: IGM

Comuni: Monte San Biagio, Terracina

Questo itinerario è caratterizzato da vari punti di interesse:

1- panoramici. Dalla sommità di Monte Pilucco si può ammirare un eccezzionale panorama sulla Piana di Fondi, sul Lago omonimo e sui Monti Aurunci;

2- storici. Presenza del confine tra Stato Pontificio e Regno Borbonico;

3- naturalistici. La presenza della fonte di Santo Stefano, delle doline e di altre cavità carsiche. In quota è cospicua la presenza del Bosco misto.

Dai un voto all'itinerario