Uomo e Territorio

Abbazia di S. Maria del Piano-Orvinio
Nella foto: Abbazia di S. Maria del Piano-Orvinio

Abbazia di S. Maria del Piano-Orvinio

Si pensa che l'origine della struttura possa risalire al IX secolo, collegata ad una vittoria dell'esercito di Carlo Magno sui Saraceni nella pianura adiacente. Dopo un periodo di notevole dinamismo e operosità, quando i monaci benedettini, legati alla potente abbazia di Farfa, estendevano i loro possedimenti su diversi paesi dei dintorni, a partire dal '500 iniziò una lunga fase di declino e abbandono in cui il sito veniva frequentato solo per alcune celebrazioni e le consuetudini rurali.

Un uso temporaneo come cimitero durante l'800, sommato a ripetuti crolli e saccheggi che i vari restauri non sono riusciti ad arginare, hanno condotto all'aspetto attuale. Il monumento, per quanto affascinante e armonicamente inserito nel paesaggio, risulta ormai privo di molti elementi architettonici impiegati per la sua costruzione e provenienti da resti di edifici romani e medievali della zona (capitelli, stipiti, fregi, bassorilievi). E' interessante notare come per questi materiali, che in gergo tecnico vengono definiti "di spoglio" perché derivano dallo smantellamento di qualcosa di preesistente, il destino tenda a ripetersi.

Oggi di proprietà dello Stato, fino agli anni '70 la struttura era del Comune di Orvinio , anche se dal punto di vista amministrativo l'area ricade nel comune di Pozzaglia Sabino . In tempi remoti, fra gli abitanti di questi due paesi si sono accese diverse contese per il possesso dell'abbazia e delle sue terre.