Ecoturismo nel Mediterraneo - DestiMED approda nel Lazio

Ecoturismo nel Mediterraneo - DestiMED approda nel Lazio

18 DIC 2017

di Direzione Capitale Naturale, Parchi e Aree Protette

Ecoturismo nel Mediterraneo, il modello DestiMED approda nel Lazio

Sono partite questa settimana le attività che coinvolgeranno due aree protette del Lazio, il Parco Nazionale del Circeo e l‘Ente Parco Regionale Riviera di Ulisse, nella realizzazione di DestiMED, il progetto finanziato dal programma di cooperazione territoriale europea Interreg-MED con l’obiettivo di favorire la diffusione dell’ecoturismo nel bacino del Mediterraneo.

La Regione Lazio, capofila dell’iniziativa, e gli altri partner si sono infatti dati appuntamento martedì scorso a Gaeta per avviare un percorso di formazione e sperimentazione che, a fine progetto, permetterà alle due aree protette di lanciare sul mercato pacchetti ecoturistici caratterizzati da elevati standard di qualità e sostenibilità.

Insieme all’Ente Parco Riviera di Ulisse e al Parco del Circeo, per l’Italia partecipano a DestiMED l’Area Marina Protetta Torre del Cerrano (Abruzzo) e il Parco delle Colline Metallifere Grossetane (Toscana). A queste 4 aree protette se ne aggiungono altre 9, distribuite nella quasi totalità dei paesi europei che si affacciano sul Mediterraneo (Spagna, Francia, Croazia, Grecia e Albania).

Ciò che accomuna le 13 aree protette di DestiMED è, secondo Jeremy Sampson, rappresentante della IUCN nonché responsabile della comunicazione del progetto, “la convinzione che un ecoturismo di qualità non solo sia la migliore alternativa per la gestione sostenibile e la tutela delle risorse naturali, ma anche un importante strumento per lo sviluppo dell’economia locale”.

Grazie a DestiMED, il Parco del Circeo e l’Ente Parco Riviera di Ulisse saranno supportati nel lancio dei propri pacchetti e potranno entrare a far parte di una rete di aree protette del Mediterraneo impegnate a promuovere l’ecoturismo con un approccio comune (MEET network). Questa include già 25 aree che hanno partecipato a MEET, il progetto precursore di DestiMED nello sviluppo di modelli e strumenti innovativi per l’ecoturismo. Ciò faciliterà lo scambio di esperienze e buone prassi in materia di sostenibilità, coinvolgimento degli attori locali e sviluppo dei prodotti turistici, come ha dimostrato la presenza alla giornata formativa di  martedì scorso di Fabrizio Santini  del parco delle Colline Metallifere e Filippo Belisario della Riserva Naturale Regionale di Monte Rufeno.

Nei mesi a venire, quindi, il Parco del Circeo e l’Ente Parco Riviera di Ulisse lavoreranno con le imprese turistiche del territorio alla messa a punto dei pacchetti. Questi verranno sottoposti a una prima valutazione nel corso della prossima primavera, quando esperti di turismo e conservazione ambientale provenienti da tutto il mondo saranno invitati in loco per prendere parte a delle vere e proprie simulazioni dei pacchetti ed esprimere così il proprio giudizio in materia di qualità e impatto ambientale.

Insieme alla Regione Lazio, sono partner del progetto DestiMED: il Centro IUCN per la Cooperazione nel Mediterraneo, l’Agenzia Nazionale albanese per le Aree Protette (NAPA), MedPan, Federparchi, WWF Adria e WWF Mediterraneo.

Lascia un commento