Riserva Naturale Regionale

Macchiatonda

Sentiero dei tre capanni - Verso i Laghetti

Dopo la sosta sulla spiaggia, rientriamo per compiere un ultimo tratto di cammino in direzione dell'idrovora, attraverso una zona acquitrinosa ricca di giunchi. Se siete i primi visitatori della giornata, potreste vivere l'improvvisa emozione della fuga chiassosa di un beccaccino o della partenza fragorosa di una coppia di germani, sorpresi a nutrirsi nel fitto della vegetazione o in un piccolo canale.

Sono visibili gli osservatori che vi permetteranno di avvicinare gli animali ad una distanza ben minore di quella "di fuga". Dentro le postazioni di osservazione troverete tavole che vi aiuteranno nel riconoscimento delle specie e nella conoscenza delle loro abitudini.

Il sentiero che conduce ai capanni è bordata da una lunga siepe, di essenze tipicamente mediterranee. Mirto, fillirea, lentisco, alaterno: tutte specie che assicurano un costante riparo e alimento per i passeriformi , nonché copertura al visitatore per permettergli di scrutare nella zona B, la parte agricola della riserva, un territorio sicuramente più monotono ma di vitale importanza trofica per molte specie. Vi riposano regolarmente i sospettosi aironi cenerini, vi razzolano centinaia di pavoncelle, piccoli gruppi di invisibili chiurli e (quando ci sono) le oche selvatiche, con frequenti sorvoli di Albanelle.

Dai un voto all'itinerario